News

RESTI DI UN VIAGGIO - FABIO MAZZOLA/FLAVIO ROMUALDO GAROFANO



RESTI DI UN VIAGGIO

Doppia personale di Fabio Mazzola e Flavio Romualdo Garofano
testo in mostra di Marialessia Ferrara.

26-27-28 agosto
Castelvenere (BN)
presso il borgo antico (cantine tufacee)
all'interno della rassegna "E...state al borgo"

vernissage 26 agosto ore 20:30
info e orari: 3408882842

PRIMA DEL VIAGGIO

Prima del viaggio si scrutano gli orari,
le coincidenze, le soste, le pernottazioni
e le prenotazioni (di camere con bagno
o doccia, a un letto o due o addirittura un flat);
si consultano le guide Hachette e quelle dei musei,
si cambiano valute, si dividono
franchi da escudos, rubli da copechi;
prima del viaggio s'informa
qualche amico o parente, si controllano
valige e passaporti, si completa
il corredo, si acquista un supplemento
di lamette da barba, eventualmente
si dà un'occhiata al testamento, pura
scaramanzia perché i disastri aerei
in percentuale sono nulla;
prima
del viaggio si è tranquilli ma si sospetta che
il saggio non si muova e che il piacere
di ritornare costi uno sproposito.
E poi si parte e tutto è O.K. e tutto
è per il meglio e inutile.

E ora, che ne sarà
del mio viaggio?
Troppo accuratamente l'ho studiato
senza saperne nulla. Un imprevisto
è la sola speranza. Ma mi dicono
che è una stoltezza dirselo"

E. Montale - "Prima del viaggio"

Quando si parte si pianifica tutto e questo pianificare rende il viaggio migliore e nello stesso tempo inutile.
Allora si aspetta quel dettaglio che renda il tutto diverso, più personale, unico perchè altro da uno schema
prestabilito. Due artisti si confrontano sul tema del viaggio e di un suo frammento. Aprendo la valigia mostrano
quel che resta: storie, indumenti, oggetti personali, appunti, ricordi a volte sbiaditi.
“Resti di un viaggio” è una doppia mostra personale di Fabio Mazzola e Flavio Romualdo Garofano all'interno
delle suggestive cantine tufacee di Castelvenere (BN).
I due artisti ci parlano attraverso l'installazione e la fotografia. Buon viaggio!








Ad Agerola, spazio urbano e Sala convegni Hotel Due Torri, in località Bomerano, sulla strada per Amalfi, sarà inaugurata una scultura restaurata che il maestro Mario Persico, esponente dell’arte contemporanea napoletana e nazionale, donò nel 1999 alla comunità di Agerola, nell’ambito dell’evento di Agerola Arte 1999.

Mario Persico
IL FIORE INQUIETANTE
Una scultura per Agerola
 
19 agosto 2011   Agerola, spazio urbano e Sala convegni Hotel Due Torri
Venerdi 19 agosto alle ore 18.00, ad Agerola, in località Bomerano, sulla strada per Amalfi, sarà inaugurata una scultura restaurata che il maestro Mario Persico, esponente di punta dell’arte contemporanea napoletana e nazionale, donò nel 1999 alla comunità di Agerola, nell’ambito dell’evento di Agerola Arte 1999.
Ideata appositamente per l’ambiente agerolese, l’opera si presenta come una struttura arborea slanciata verso il cielo, che si apre in forme che sono vele, onde o foglie mai viste, o forse sono colorate ali di angeli. È una figura scultorea generata da un sogno dell’artista, forma che è simbolo di rinascita e di cambiamento. Il Comune ora ha restaurato la scultura ridandole lo splendore dei colori originari. Con un evento in omaggio al geniale artista napoletano, s’inaugura anche un nuovo percorso di presenze e realizzazioni dell’arte ad Agerola. Con mostre, convegni e installazioni di sculture negli scenari naturali e urbani dell’ambiente agerolese, si renderà concreta l’idea di  Agerola come ambiente per l’arte, dove la creatività e la riflessione hanno l’amicizia di una ospitale natura, dei suoi abitanti e dei suoi paesaggi.
L’inagurazione della nuova installazione della scultura sarà accompagnata da un evento presso la sala convegni dell’Hotel Due Torri, in cui si potranno vedere video, ascoltare reading di testi dell’artista, guardare i disegni preparatori dell’opera, i progetti digitali, le foto della realizzazione in officina, con gli interventi di Franco Cipriano, Luca Mascolo, Tommaso Naclerio, Mario Persico e Stefano Taccone.


Made in Sicily
La mostra, con i suoi 176 artisti, vuole offrire uno spaccato di cio' che e' avvenuto e avviene in Sicilia nell'ambito delle arti figurative, con un omaggio a 24 artisti scomparsi, dei quali si rischia di perdere la memoria. L'esposizione, che sarà visitabile dal martedì alla domenica dalle 18 alle 22, si propone come un'aggiornata ricognizione nel tempo, con la presenza di 176 artisti siciliani attivi dal 1930 ad oggi, nello spazio, con opere prevenienti da circa cinquanta comuni in rappresentanza delle nove province siciliane e nella galassia delle espressioni artistiche, con esposizione di dipinti, fotografie, sculture e installazioni. Questa ricerca è il frutto dei cinquant'anni di lavoro di Nicolò D'Alessandro, fra i massimi esperti d'arte siciliana e già autore di numerosi volumi sul tema. Il titolo della mostra non vuole essere una vuota affermazione d'orgoglio campanilistico ma, per dirla con il curatore «muove da un atteggiamento giocoso che fa il verso al “made in China”, “made in Italy”, “made in Taiwan”, “made in P.R.C”, “made in Corea” che danno l’idea non di un mercato senza confini, ma di un luogo qualsiasi di produzione. Questa mostra, in un spazio come “Le Ciminiere”, vuole essere una specie di contenitore di lusso, una metaforica vetrina per la cultura figurativa in Sicilia. Tenta, con questo primo incontro, di esibire attraverso il racconto degli stessi artisti, l'evoluzione (o l’involuzione) delle persistenze figurative, delle scelte non formali e delle adesioni al grande equivoco dell’arte contemporanea; tenta di indagare la “questione meridionale” del sistema delle arti figurative in un territorio eccentrico quale quello siciliano ancora non ampiamente sondato e verificato; tenta di esaminare infine il contributo degli artisti nella revisione critica centro-periferia nella dialettica della globalizzazione e l’equivoco del concetto ambiguo di contemporaneo». Made in Sicily vuole offrire uno spaccato credibile di ciò che avviene in Sicilia nell’ambito delle arti figurative, una proposta parziale ma completa. Per l'On. Giuseppe Castiglione, Presidente della Provincia Regionale di Catania, l'Ente che ha promosso la manifestazione, «siamo in presenza, con Made in Sicily, di un evento culturale di rilievo che non passerà inosservato poiché un appuntamento così come è stato concepito diventa un inedito momento aggregativo, un momento di riflessione sullo “stato di salute” dell’Arte». Anche il Comune di Catania ha patrocinato l'evento e il suo sindaco, il Sen. Raffaele Stancanelli, ha sottolineato come la mostra abbia «rispetto ad altre rassegne analoghe, una marcia in più grazie alla scelta di esporre anche le opere dei maestri scomparsi che, senza rassegne di questo livello qualitativo, rischiavano di essere ingiustamente dimenticati», infatti, sono presenti con proprie opere anche artisti di valore, scomparsi, dei quali si è persa la memoria per distrazione o disinteresse di una parte della critica. Ma l'Associazione SPAZIOVITALE in ha voluto pensare anche ai giovani artisti locali offrendo la possibilità a oltre 40 studenti dell'Accademia in Belle Arti di Catania di esporre a rotazione le proprie opere nei locali della Galleria d'Arte Moderna, confrontandosi con i maestri più affermati in alcuni appuntamenti che si svolgeranno nel corso della manifestazione. La mostra è visitabile fino al 18 settembre, dalle 18.00 alle 22.00 da martedì a domenica, alla Galleria d’Arte Moderna Le Ciminiere di Catania, viale Africa. Ingresso gratuito. Catalogo € 45,00. Elenco Artisti : Antonella Affronti • Giuseppe Agnello • Giuseppe Agozzino • Michele Alfano • Sebastiano Altomare • Luciana Anelli • Turi Aquino • Totò Audino • Calogero Barba • Arturo Barbante • Ilde Barone • Mario Barone • Matteo Barretta • Edoardo Bellomo • Silvio Benedetto • Salvo Bonnici • Fiammetta Bonura • Rosario Bruno • Beppe Burgio • Nicola Busacca • Antonio (Momò) Calascibetta • Jean Calogero • Ignazio Camilleri • Salvatore Canigiula • Michele Canzoneri • Ilaria Caputo • Salvatore Caputo • Francesco Carbone • Oscar Carnicelli • Aurelio Caruso • Salvo Caruso • Mario Cassisa • Giovanni Castiglia • Vito Catalano • Paolo Chirco • Gaetano Cipolla • Guido Colli • Giovanni Compagnino • Letterio Consiglio • Francesco Coppa • Piero Corpaci • Giuseppe Corradino • Angelo Cortese • Daniela Maria Costa • Gaetano Costa • Fabrizio Costanzo • Natalia Criscione • Tanina Cuccia • Leonardo Cumbo • Michele Cutaja • Rosetta D’Alessandro • Orazio D’Emanuele • Cinzia De Luca • Angelo Denaro • Cesare Di Narda • Giuseppe Elia Atanasio • Elsa Emmy • Martin Emschermann • Giuseppe Failla • Franco Fasulo • Giuseppe Fell • Raimondo Ferlito • Maria Rachele Fichera • Pino Finocchiaro • Francesco Fiorista • Salvo Fleres • Giuseppe Forzisi • Daniele Franzella • Concetto Fusillo • Dolores Gardassanich • Manlio Geraci • Remo Gerevini • Giambecchina • Manlio Giannici • Francesco Giglia • Lillo Giuliana • Silvio Guardì • Vito Guarneri • Franco Accursio Gulino • Giuseppe Guzzone • Marco Incardona • Leonardo La Barbera • Nino La Barbera • Giuseppe La Bruna • Torquato La Mattina • Michele Lambo • Rossella Leone • Antonio Liberto • Sonia Lo Bue • Mario Lo Coco • Gaetano Lo Manto • Silvana Lunetta • Beppe Madaudo • Sergio Mammina • Bartolomeo Manno • Maria Rosa Marcantonio • Cinzia Marcoccio • Santo Marino • Alfredo Marsala Di Vita • Gigi Martorelli • Gino Merlina • Lillo Messina • Carmelo Micalizzi • Antonio Micciché • Giovanni Migliara • Franco Mineo • Paolo Montalbano • Franco Montemaggiore • Enzo Monti • Antonino Nacci • Maria Donata Napoli • Gaspare Occhipinti • Vincenzo Ognibene • Franco Panella • Franco Pappalardo • Enzo Patti • Gabriella Patti • Antonio Perniciaro • Antonio Perricone • Nino Pilotto • Calogero Piro • Franco Piruca • Salvatore Pizzo • Nicasio Pizzolato • Benedetto Poma • Giovanni Proietto • Gianni Provenzano • Salvatore Provino • Guido Quadrio • Lanfranco Quadrio • Vanni Quadrio • Saverio Rao • Antonio Recca • Luigi Regalbuto • Daniela Riccioli • Giuseppina Riggi • Francesco Rinzivillo • Nicolò Rizzo • Salvatore Rizzuti • Elio Romano • Enzo Romeo • Salvo Russo • Salvatore Salomone • Enzo Salanitro • Pupino Samonà • Gery Scalzo • Giuseppe Sciacca • Vincenzo Sciamè • Fabio Sciortino • Tommaso Serra • Francesco Sgroi • Carmelo Signorelli • Tino Signorini • Vittorio Silvestri • Giuseppe Simonetti • Alfonso Siracusa • Turi Sottile • Salvatore Spanò • Franco Spena • Nuccio Squillaci • Giusto Sucato • Lino Tardia • Delfo Tinnirello • Tino Tomaselli • Giuseppe Tomasello • Renato Tosini • Valeria Troja • Accursio Truncali • Agostino Tulumello • Disma Tumminello • Gabriele Venanzio • Beppe Vesco • Dina Viglianisi • Renè Vinçon - Guglielmo Volpe • Nicola Zappalà
fonte spaceartpress.blogspot.com
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

 Sabato 7 maggio 2011 ore 18.30 un tris di non-artisti a LineaDarte Officina Creativa ci offre l’opportunità di captare il giusto movimento e l’azione concettuale di tre artisti che, fondamentalmente, “giocano” a non dichiararsi tali.
Un tris di non-artisti a LineaDarte Officina Creativa ci offre l’opportunità di captare il giusto movimento e l’azione concettuale di tre artisti che, fondamentalmente, “giocano” a non dichiararsi tali.
Presenteranno il video TRILOGIA di NON-ARTISTI e foto su plexiglas, cm 40 x 30.
Si ascolteranno canzoni cantate da Lucio Amelio, da molti considerato un gallerista creativo, non-cantante, ma attore, dal suo disco “Ma l’amore no”.
Amelio ha lasciato un vuoto a Napoli e in un circuito culturale e di riferimenti espositivi.
La formazione-tris di non-artisti formata da Alfonso Caccavale e I Santini Del Prete intende precisare la non-arte, nipotina “Dada” e figlia di “Fluxus”, come alcuni esperti hanno segnalato.
Nella piattaforma, fluida e plastica, dell’arte contemporanea, che implementa soluzioni sempre nuove, essi agiscono con divertimento e oculata passione; insomma, l’arte contemporanea, nel suo ventaglio propositivo, incamera nella sottile cortina realizzativa una chance perché faccia combaciare arte e non-arte.
In fondo, è un gioco speculare, tutto sommato, arguto e confacente a misurare sentimenti e ironie, possibili armonie e sereni equilibri, idee fallaci e pensieri brillanti.
Da Amelio a Lineadarte-Officina Creativa, da Beuys a Shimamoto e ai tanti artisti-maieuti, da Renato Barisani a Giuseppe Antonello Leone, grandi vecchi dell’arte in attività di servizio, Napoli raccoglie una fortissima creatività, che può agganciarsi anche alla dialettica della non-arte, vera strada maestra per conglobare gli umori della strada e i riverberi salottieri in una centrifugata azione scenica.
Ci potremmo mai meravigliare di seguire la scena della non-arte degli amici Caccavale e I Santini Del Prete qui a Partenope …? … ma scherziamo …? … la terra che ha accolto Nerone e vede il suo teatro antico, oggi parte integrante del cosiddetto “corpo di Napoli” … ; insomma, proprio no; e, allora, la realtà che è continuamente in scena sempre nelle strade e nelle piazze ritmicamente affollate, e pensiamo a Cangiullo, ottimo descrittore visivo dei rumori e dei segni metropolitani, vive nella produzione della non-arte di Alfonso Caccavale, vigile urbano napoletano, e de I Santini Del Prete, ferrovieri non-artisti, partenopei e in parte labronici.
I formidabili, intemerati tre amici si pongono come attori e pubblico contemporaneamente; insomma, sarebbero, anzi, sono ministri del culto della vita mentre officia la sua rappresentazione la stessa città.
Tutti possono essere coinvolti nelle loro azioni; chi assiste può essere inteso come parte di un pubblico d’avanguardia dell’arte.
Si può essere coinvolti ed è giusto che sia così; attivamente, si può essere coinvolti e il sistema dell’arte contemporanea riesce a mediare, a metabolizzare, a integrare; si è con loro dentro l’arte per vivere la vita a Napoli, teatro dell’assurdo, capitale delle contraddizioni, regno dei paradisi perduti, terra irredimibile e sospesa nella ferita a morte …
Maurizio Vitiello Napoli, notte silenziosa dell’8 aprile 2011 SCHEDA RIASSUNTIVA Ma la non arte no - omaggio a Lucio Amelio Categoria (Arte, Performance) Città : Napoli periodo in cui si svolge l’evento : 7-21 maggio 2011 Luogo: Lineadarte Officina Creativa Titolo dell’evento : Ma la non arte no Indirizzo completo (via san domenico soriano 34, Napoli 80135) Recapiti telefonici (0815494271) Recapiti mail: info@lineadarte-officinacreativa.org Sito web: www.lineadarte-officinacreativa.org orari : lunedì sabato 15-19 vernissage: sabato 7 maggio 2011 curatori: G. Ippolito, G. Donnarumma, R. Del Prete, F. Santini, A. Caccavale autori: I Santini Del Prete, Alfonso Caccavale Testo Maurizio Vitiello

___________________________________________________________________________________ ___________________________________________________________________________________ La  presente  vale  anche come  invito Fratelli d'Italia
mostra  d'arte contemporanea 
a cura di Gennaro Ippolito e Giovanna Donnarumma

16 aprile 2011 - 30 aprile 2011
vernissage sabato 16 aprile ore 18.30


 via S. Domenico Soriano 34, (Piazza Dante) - Napoli
fratelli d'Italia Lineadarte Napoli
Si è fatta l’Italia, è ora di fare gli Italiani?, parafrasando la celebre frase attribuita a Massimo d’Azeglio, sabato 16 aprile continua la riflessione sulla condizione e sulle vicissitudini degli italiani con una veduta maschile; un discorso già avviato con la mostra “Sorelle d’Italia” che ha indicato ci ha indicato vizi e virtù degli italiani con uno sguardo del tutto femminile. Il 17 marzo ha riscoperto l’ardore verso il tricolore e l’amore per la Patria con un sentimento racchiuso dentro una retorica opportunistica dettata da un avanzato sistema egoista e scissionistico. Insieme, artisti di varie estrazioni uniti geograficamente ma separati da culture socio politiche e culturali, enunciano, menzionano si rivelano e danno sfogo ad un reale e storico ritratto dell’italiano contemporaneo. La mostra si  strutturerà sull’enunciazione di noi stessi, e del nostro essere attraverso un continuo vagabondare tra essere Italiani e il sentirsi italiani, promette di essere un peregrinare dall’immagine standardizzata, indirizzata, e ammaestrata , voluta dal sistema e promessa  della pubblicità, rassicurante e rasserenante , al  paese Italia senza veli , senza e oscurare le differenze che ci  uniscono ,  senza tacere sugli ultimi eventi  che vorrebbero un Italia scissa ,egoistica e federalista,  senza dimenticare  la speranza di chi  crede in una Italia Unita in un  italiano buono, santo, poeta e navigatore.

Artisti

Alfonso Caccavale, Angelo Moscarino, Antonio D'antonio, Ciro Balzano, Emilio Rizzo, Francesco Gallo, Gennaro Coppola, Gennaro Ippolito, Gino Sansone, Giordano Martone, Giuseppe Teobaldelli, Lorenzo Puliti, Luigi Galasso, Marco Matta, Mario Gambatesa, Maurizio Milanesio, Paolo Facchinetti, Raffaele Coppola, Remo Romagnuolo, Renato Milo, Roberto Scala, Salvatore Audino, Salvatore Fellino, Salvatore Starace, Stefano Bucciero, Valerio Iermano, Vincenzo Montella, Vito Giarrizzo.
Scheda Riassuntiva


In occasione del centocinquantesimo anno dell'Unità d’Italia è doveroso che gli artisti s’interroghino sul proprio tempo ed esaminino le vicissitudini di un popolo unito geograficamente ma distinto e separato da culture eterogenee. La mostra si strutturerà sull’enunciazione di noi stessi, e del nostro essere attraverso un continuo vagabondare tra essere Italiani e il sentirsi italiani, promette di essere un peregrinare dall’immagine standardizzata, indirizzata, e ammaestrata , voluta dal sistema e promessa della pubblicità, rassicurante e rasserenante , al paese Italia senza veli , senza e oscurare le differenze che ci uniscono , senza tacere sugli ultimi eventi che vorrebbero un Italia scissa ,egoistica e federalista, senza dimenticare la speranza di chi crede in una Italia Unita in un italiano buono, santo, poeta e navigatore. 

OFFICINA CREATIVA LINEADARTE 
Via San Domenico Soriano 34 (80135)
 +39 0815494271 lineadarte@gmail.com 
individua sullo stradario MapQuest 
orario: lunedì al sabato 15-19
giovedì 15-17.30
sabato su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
 
vernissage: 16 aprile 2011, ore 18.30.
 
catalogo: In sede 
curatori: Giovanna Donnarumma, Gennaro Ippolito
 
autori: 
 Alfonso Caccavale, Angelo Moscarino, Antonio D'antonio, Ciro Balzano, Emilio Rizzo, Francesco Gallo, Gennaro Coppola, Gennaro Ippolito, Gino Sansone, Giordano Martone, Giuseppe Teobaldelli, Lorenzo Puliti, Luigi Galasso, Marco Matta, Mario Gambatesa, Maurizio Milanesio, Paolo Facchinetti, Raffaele Coppola, Remo Romagnuolo, Renato Milo, Roberto Scala, Salvatore Audino, Salvatore Fellino, Salvatore Starace, Stefano Bucciero, Valerio Iermano, Vincenzo Montella, Vito Giarrizzo.
genere: fotografia, arte contemporanea, giovane arte, collettiva, disegno e grafica
lineadarte-officinacreativa.org Via S.Domenico Soriano 34, 80135 Napoli Tel:+39 0815494271 Fax 08251800147
Giovedì 10 marzo 2011  ore 17.30, Società Dante Alighieri - Comitato di Napoli  e Lineadarte Officina Creativa presentano "ATTRAVERSAMENTI " a cura di Emanuele Di Tommaso; nell'ambito Laboratorio di poesia 2010-2011a cura di Enrico Fagnano.
Il Laboratorio incontra un gruppo di giovani poeti ; Nazareno Barone, Mario Carleo, Federica Centore, Ivano Cirillo, Dario De Simone, Marcello Dinacci, Giuseppe Di Rosa, Giambattista Maciariello, Eugenio Nobiltà, Salvatore Palladino, Lino Vitagliano
Laboratorio  di  poesia  Gli strumenti del poeta  foto Gennaro Ippolito
Scheda riassuntiva 
ATTRAVERSAMENTI
Società Dante Alighieri - Comitato di Napoli
OFFICINA CREATIVA LINEADARTE vai alla scheda di questa sede
Vico San Domenico Soriano 34 (80135)
+39 0815494271
lineadarte@gmail.com
individua sullo stradario 


quando: giovedì 10 marzo 2011

orario: 17.30 - 19,00
biglietti: free admittance
curatori: Emanuele Di Tommaso
autori: Nazareno Barone, Mario Carleo, Federica Centore, Ivano Cirillo, Dario De Simone, Marcello Dinacci, Giuseppe Di Rosa, Giambattista Maciariello, Eugenio Nobiltà, Salvatore Palladino, Lino Vitagliano
genere: poesia
Visualizza Via San Domenico Soriano, 34 in una mappa di dimensioni maggiori
Gli strumenti del poeta

Laboratorio di Poesia 2010-2011

a cura di Enrico Fagnano

Programma La figura del poeta contemporaneo Pratiche di scrittura e loro implicazioni  Nuove forme di espressione  La divulgazione del lavoro poetico  Tendenze della poesia contemporanea  Rapporti tra poesia e altre forme di scrittura  
Rapporti tra poesia e altre forme d'arte La lettura del testa poetico Incontri liberi 
Gli argomenti prescelti saranno sviluppati con l'ausilio di registrazioni audio video e filmati. Gli incontri liberi saranno dodici; consentiranno ai partecipanti di confrontare le proprie esperienze e di discutere temi eventualmente non compresi nel programma. I venti incontri si terranno il giovedì dalle 17,00 alle 19,30 presso la galleria Lineadarte Officina Creativa (Via San Domenico Soriano, 34 Napoli; tel. 081-5494271; 50 metri da Piazza Dante), a partire dal 25 novembre.
La partecipazione al Laboratorio prevede l'iscrizione al Comitato di Napoli della Società Dante Alighieri. 
Il Laboratorio si avvale del contributo dei poeti Giovanni Ariola, Carlo Felice Colucci, Ariele D’Ambrosio, Salvatore Di Natale, Bruno Di Pietro, Mimmo Grasso, Eugenio Lucrezi, Amedeo Messina, Marisa Papa Ruggiero e Anna Maria Pugliese;
Collaborano inoltre gli esperti Giovanni Castellano, Annalisa Dell’Annunziata, Vincenzo Dolla, Pasquale Gallifuoco, Giulia Gigante, Giampaolo Graziano, Marco La Gala, Giuseppe Roncioni, Alexandre Urussov e August Viglione.
Attualmente fanno parte del Laboratorio i poeti Marilia Aricò, Raffaela Auriemma, Francesco Bifulco, Alfonsina Caterino, Marco De Gemmis, Cinzia De Monte, Simona De Stefano, Antonio Di Maro, Massimiliano Discepola, Raffaele Di Stasio, Giuseppe Di Rosa, Emanuele Di Tommaso, Michele Fragna, Stefano Gaudino, Maria Gabriella Gay, Gianfilippo Gravino, Emanuele La Rosa, Lino Lista, Maria Rosaria Luongo, Paolo Lutricuso, Marcella Mariani, Marco Masturzo, Marina Mineo, Salvatore Oliviero, Maria Palladino, Anita Perillo, Valeria Petrone, Linda Santojanni, Paola Santucci, Lidia Savarese, Enza Silvestrini, Sabina Siracusano, Pasquale Tabacchino, Luciana Tagle, Felice Zinno e Dario Zumkeller. 
Per informazioni e iscrizioni: 3466710659
image
Lineadarte invita alla Lettura di Enrico Fagnano
Società Dante Alighieri
Comitato Napoli  
                                                          
Interno5
Napoli

ALTERNATIVE

lettura di
Enrico Fagnano
(dal libro Alternative Comitato di Napoli della Società Dante Alighieri, 2010)
introduzione Giuseppe Roncioni Venerdì 5 novembre ore 18.00 Venerdì 5 novembre ore 18.00 Venerdì 5 novembre ore 18.00 Interno 5 Via San Biagio dei Librai, 121 (Palazzo Carafa) 0815514981
E' gradito un cortese cenno di  adesione

Unordered List